Diretto DR Altieri Claude

+39 388 1627 127

Email

altieri.claude@bfdacademy.com

Rispondiamo in questi orari

Lun-Ven ore 10 - 12.30 / 15 - 18

9 commenti

  1. Donna di 65 anni, sedentaria. Lombo sciatalgia di tipo L5 da 2 mesi, in
    seguito ad un movimento in flessione facendo il letto. Il dolore sciatico è
    aggravato la notte, al punto tale che le impedisce di girarsi nel letto. I
    trattamenti farmacologici ‘fans’, antalgici e cortisone sono rimasti senza
    effetti. Da segnalare che questa paziente non ha mai sofferto di
    lombaligia e che la situazione attuale è del tutto nuova.
    Antecedenti :
     Operazione ad un rene per una sindrome della giunzione pielo-uretrale,
    26 anni prima.
     Frattura del collo del femore con utilizzo di protesi, 6 anni prima.
    Esame biomeccanico :
     Test di Bassani a livello toraco-lombare positivo in senso inverso su T11 e
    T12.
     Claude test positivo bilateralmente, le due articolazioni sacro-iliache
    sono fissate.
     Test di Bassani positivo su L5.
     Il test della tosse dimostra un rilasciamento del muscolo trasverso
    dell’addome.
     L’esistenza di un dolore a livello delle fosse iliache destra e sinistra,
    testimonia una ptosi delle anse intestinali.
    1° Seduta :
     Liberazione del cardine toraco-lombare
     Mobilizzazione diaframmatica
     Riequilibrio viscerale
     Manovre sulle anse intestinali
     Manovra viscerale generale
     Manovra della radice del mesentere
     La normalizzazione della quinta vertebra lombare è difficoltosa e
    quindi non insistiamo

    A fine seduta diamo alla paziente degli esercizi di rinforzo del muscolo
    trasverso dell’addome e del piano pelvico, da fare quotidianamente.
    2° Seduta, dopo una settimana.
    La paziente ha provato leggeri miglioramenti, in particolar modo la notte.
    Esame biomeccanico :
     Test di Bassani sempre positivo su L5.
     Il Claude test è appena positivo, le sacro-iliache sono un pò più
    libere.
    Pratica :
     Lavoro sulle anse intestinali ed i muscoli iliaci.
     Normalizzazione di L5, che ora si sblocca facilmente.

    La paziente sente immediatamente una sensazione di libertà nella colonna
    lombare e un miglioramento del dolore sulla parte anteriore della gamba e del
    piede.
    Adesso sta molto bene e non avverte più alcun dolore.

    Claude Altieri

  2. Donna 60 anni soffre di dolori in tutto il corpo da anni. Diagnosi di fibromialgia. Trattamenti allopatici non ne parliamo però anche fisio, osteo, psico, centro del dolore, agopuntura, ipnosi ecc. E quindi disperata.
    Fa parte della famiglia (sorella di mia cognata) e passo solo 2 giorni da Loro.
    Il venerdì guardo l’OAA completamente bloccato e si lamenta sopratutto di tensione terribile nei trapezi. Le chiedo se in passato ha sofferto di vertigini : « Si, la prima crisi l’ho avuta a 14 anni » e ne ha ancora spesso.
    Test di Dix-Hallpick positivo a destra, manovra di Semont e se sblocca immediatamente l’OAA.
    Il giorno dopo la valuto e vedo DDI (Bassani inverso), 2 sacro-iliache (Claude test) e due anche (test della chiave) d’origine viscerale (ptosi) : trattamento = deparasitaggio, DDI, viscerale, 2 Sacro-iliache. Dopodiché il Bassani diventa positivo al livello L5 che sblocchiamo.
    La paziente si sente subito meglio e 2 settimane dopo non ha più nessun dolore. Ora, ogni tanto, accusa qualche sbandamento però leggerissimo.
    La rivedrò alle prossime vacanze del 2021 !! 🙂

  3. Uomo 54 anni, lamenta mal di schiena da 2 anni. Fisioterapia, osteopatia, adesso le propongono un’ozonotrapia. La radiografia parla d’una sindrome che si avvicina al Klippel Feil (sindrome che presenta radiograficamente una sinostosi tra due vertebre cervicali). Infatti L4 sembra saldata a L5.
    All’esame vediamo col test di Bassani una perdita di mobilità al livello toraco-lombare (DDI) e al livello L4/L5. Il « Claude test » indica che la sacroiliaca destra è bloccata con una anca senza RI.
    In prima seduta sblocchiamo DDI, poi reequilibrazione viscerale, psoas, anse intestinali, anca e SID. Il paiente se sente più libero.
    In seconda seduta il Bassani è positivo su L5. In prima seduta non aveva dato l’informazione perchéla pelle non ti da 2 informazioni a vicinanza durante la stessa seduta. Sblocchiamo la quinta lombare e il paziente se sente immediatamente molto meglio.
    Consigliamo panca inversione e tonificazione musculo trasverso e pavimento pelvico.
    Ad oggi, da due mesi, non ha più nessun tipo di problemi. Forse lo rivedremo tra un po perchè quando non c’è più mobilità in un settore, la microcircilazione essendo debole, i tessuti perdono l loro elasticità e possono portare la zona di nuovo in blocco.

  4. Caso clinico del 09/09/2020

    Donna 58 anni, ipercongestiva. Dolori in tutta la colonna. 3 anni fa operata per stabilizzazione di L5/S1 (richiesta principale). Soffre anche di dolori cervicali accompagnati da mal di testa perenni e da dolori all’articolazione temporomandibolare destra. Sente questa zona come gonfiata.
    Decido, una volta non è consuetudine, di trattare in primis la cervicale perché chiedendo si aveva avuto une crisi vertiginosa m’ha risposto di si e che ne aveva ancora ogni tanto. In effetti il vestibolo essendo il capo d’orchestra dei recettori manda in continuazione impulsi agli altri recettori e notevolmente alla somestesia, quindi ai recettori articolari, muscolari e tendinosi. E’ una priorità trattarlo innanzitutto.
    Il test di Dix-Hallpick è positivo a destra (dove c’è il dolore mandibolare . Manovra di Semont e immediatamente la tensione dei trapezi cala. Niente cambiamento invece per la mandibola, pero lasciamo perdere è secondario.
    Al livello lombare troviamo una classica DDI, una sacro-iliaca in disfunzione a destra (Claude-test), una anca in diminuzione di mobilità e un psoas omolaterale.
    Trattiamo DDI, viscerale e lo psoas se distende immediatamente. Sblocchiamo quindi L4 dopo aver normalizzato la sacro-iliaca. Basta per la prima seduta.

    Rivediamo la paziente in seconda seduta. Niente dolori alle cervicali, fastidio sempre alla mandibola. Al livello lombare se sente molto più libera pero rimane sto dolore lombare basso. E là ! sorpresa ! il test di Bassani è positivo su L5. Questo vuol dire che la L5 è disaccoppiata del sacro. Con molta cautela faccio una manovra bilaterale su L5 che sento fare rumore da tutte le due lati. La paziente se alsa e disse di non più avere sto dolore che ha da 3 anni. Mi confessa allora che fu dopo un giro in bicicletta che sentì il suo dolore. Ovviamente è dopo questo giro che a creato questa mobilità tra L5 e S1.
    Per finire normalizziamo la mandibola e facciamo un trattamento completo in ortoprassia.

  5. Buongiorno a tutti! Volevo condividere con voi un caso clinico da me trattato dopo aver fatto il corso con Safin. Ballerina professionista di 16 anni, da mesi lamentava di non riuscire più a fare la piroette, gesto atletico nella danza classica.
    Ho tentato nei mesi passati di risolvere il problema attraverso il trattamento biomeccanico (DDI etc), mediante il trattamento viscerale, e anche con l’aiuto dell’APC, visto che la paziente era anche sotto pressione a livello emotivo.
    Il tutto senza alcun risultato soddisfacente. Paziente che lamentava vertigini saltuarie, ma test di Dix-Hallpike negativo.
    Ho provato quindi ad agire su un altro piano, quello emozionale e della neuro motricità.
    Le ho proposto esercizi in cui le facevo fare il gesto atletico mentre era su pedane instabili (cuscino di equilibrio pedana foam etc) ma non solo..ho provato ad agire su altri canali sensoriali: uditivi, visivi. Ho cercato di distogliere l’attenzione della ballerina dal fatto che lei non fosse più in grado di eseguire la piroette; l’ho come portata su altre vie e ho cercato di abbassare in questo modo il livello alto di emotività che aveva ogni volta che eseguiva il movimento.
    Risultato: dopo due settimane di lavoro, è stata in grado di fare l’esercizio senza problemi e con risultati ottimi.
    Ovviamente mi sono servita anche dell’APC (soggetto in questione: Shao YIN acqua), come preparazione al piano di trattamento che avevo deciso di proporle.
    Questo mi ha insegnato a non fossilizzarmi sempre su alcuni schemi che avevo sempre usato, e che a volte non portavano a risultati aspettati.
    Un caro saluto a tutti!

  6. Donna 47 anni contadina
    Dolore cervicale basso a sinistra e nel gluteo sinistro.
    Incidente stradale 15 anni fà
    Qualche tempo dopo VPPB (Vertigine posizionale parossistica benigna).
    Adesso Dizziness e nausea, pero cervicalgie miotensive e cefalee quotidiane per le quale prende farmaci a base di codeina.

    Prima seduta :
    Al livello basso, al « Claude test » se vede una sacro-iliaca bloccata
    In alto ; l’OAA è in perdita totale di mobilità
    Test di provocazione di Dix-Hallpike positivo a destra con evidente nistagmo omolaterale che se esaurice dopo qualche secondi, tipico d’un problema otolitico.

    Trattamento :
    • Manovra di Semont
    • Normalizzazione di C6
    • Ortoprassia
    La paziente se sente completamente libera e il dolore al gluteo è notevolmente diminuito.

    Seconda seduta
    Le cefalee sono completamente sparite.
    Le tensioni muscolari sparite durante 2 giorni pero tornate dopo in un modo molto più supportabile.
    Invece dolore gluteale di nuovo presente.

    Dix-Hallpike leggermente positivo quindi facciamo di nuovo la manovra di Semont.
    Manovra di viscerale grado 3
    Sacro-iliaca sinistra e L5 (positiva stavolta al Bassani).

    Terza seduta
    Tutti segni dolorosi sono spariti
    Tutti test sono negativi
    Non c’è nessuna ragione d’intervenire in qualsiasi modo.

  7. Un caso clinico per coloro che seguono il corso on line.
    Lombalgia da 10 anni dopo una caduta sul culo facendo i ′′ dossi “. frattura di L5. Bisogna ricordare che in questo caso accadono 2 cose fondamentali, una perdita di mobilità sul cardano T11 / T12 e una riduzione della massa viscerale.
    In esame: Bassani positivo su T11/ 12, L5, Claude test positivo su sacro-iliaco sinistro in perdita di mobilità. Test chiave livello anca perdita totale di RI della coxofemorale.
    TT: normalizzazione T11 / T12, viscerale biomeccanico = recupero immediato della mobilità del coxo. Normalizzazione sacro-iliaca e L5.
    La paziente fa qualche passo e avverte ancora un dolore a destra e a livello medio del curriculum. Bassani positivo su L2; Duodeno-Pancreas, normalizzazione di L2 e manovra di Kuchera (MVG). La normalizzazione anche del suo ′′ Occiput impacted “, ortopratica e la rivedremo all’inizio di gennaio (tregua dei confettieri obbliga.

  8. Paziente di 34 anni , pilota professionista di Gran Turismo . Riferisce cervicalgia e cefalea persistente resistente a terapia farmacologica e a terapie fisiche ( Fisioterapia e Osteopatia ) associate a dolore intenso ai gomiti bilateralmente fino al polso . Mi porta RX e RM, protrusioni C4-C5/ C5-C6 per le quali l’ortopedico ha prescritto laser , massaggi e infiltrazioni ai gomiti ( kenacort ) . Previsto in futuro trattamento con Ozono .
    Riferisce importante incidente in gara 5 anni fa.
    Lo valuto e trovo Sacro-Iliache in disfunzione , OAA completamente privo di mobilita’ .

    Gli chiedo se ha vertigini e mi dice che dall’incidente sono molto frequenti ;
    manovre di provocazione di Brandt Daroff e Dix- Hallpicke positive a Dx . Eseguo Manovra di Epley e Semont . L’ OAA si libera e riacquista subito la rotazione.
    Normalizzo T1/T2 .
    Tratto il gomito Dx che era positivo al test di flessione passiva .
    Normalizzo il diaframma .

    Il paziente si sente subito meglio con grande senso di libertà e decompressione ( sentiva testa e collo schiacciati ) , dolore ai gomiti ridotto dell’80% .
    Lo vedo prossima settimana per valutare DDI , viscerale e testare di nuovo il vestibolo

  9. Buon pomeriggio a tutti , vorrei condividere con voi questo caso clinico. Donna 30 anni sportiva. Riferisce dolore al collo bruciore in mezzo alle scapole e storia di blocco . DDI, dorsali e cervicali.Si alza e sta gia’meglio (70%).Le dico di rivederci una seconda volta. Mi sembrava fosse un caso semplice se non avesse trascorso 5gg dopo , 15 ore al pronto soccorso per una colica renale. Mi dice che e’stata riscontrata solo della renella e mi sembra strano che possa solo quella aver provocato la colica. Anche se a volte può succedere. Faccio il test del rene che risulta positivo e mi accorgo che il problema e’ della fascia. Lavoro dunque sulla fascia , che si fonde postero mediamente con le fasce del muscolo grande psoas e quadrato dei lombi . Lavoro sullo psoas ed eseguo la manovra del rene . Tratto il diaframma e concludo con la manovra generale viscerale. Ritesto e vedo che il tutto e’ negativo. La paziente si alza e subito si sente più leggera. Mi contatta il gg dopo dicendo che non dormiva cosi bene da un anno e il collo e’ scioltissimo. L’aver sottolineato che il collo e’scioltissimo e non ha più bruciori in mezzo alle scapole mi fa capire sempre di più a quanto sia importante questa metodologia : storia di blocco, dorsali bloccate e cervicali bloccate. L’innervazione simpatica del rene ( nervo piccolo splancnico T10,T11 e splancnico minimo T12)ci da’ delle informazioni.Nulla nel nostro corpo avviene senza coinvolgimento di tutto lo stesso.Ad ogni reazione parietale ne corrisponde una viscerale e viceversa. Grazie.

    Flaminia Caniggia

Lascia un commento

ArabicDutchEnglishFrenchGermanItalianLatinRussianSlovenianSpanishSwedishUkrainian